Un ciclo di esposizioni  mostre che uniscono la tradizione all’innovazione, il passato al futuro, gli antichi materiali (ginepro, asfodelo, canne, salice, biodo, anagiride ecc.) a quelli “nuovi” (come il midollino), tecniche d’intreccio locali con tecniche “forestiere”, la scultura alla pittura e all’intrecci.

Queste esposizioni portano alla luce diversi artisti/artigiani locali che mediante la propria arte tengono viva la tradizione locale e perpetuano l’antico rispetto per l’ambiente, per la natura e per il territorio.

  • Sas caisteddas de tzia Tzetzìlia” di Cecilia Farris, dal 9 al 23 giugno
  • “Ghinìperu!!!” di Paolo Farris, dal 23 giugno al 7 luglio 2012
  • “Trivàglios innenneriosos” de Gaetano Pira, dal 7 al 21 luglio 2012
  • “S’arte de mastru Carluzzu de Lodè” di Carlo Sanna, dal 21 luglio al 4 agosto 2012
  • “Caratzas” di Giuseppe Nanu, dal 4 al 18 agosto 2012
  • “Ghinìperu imbolicosu” di Lucio Farris, dal 18 agosto al 1° settembre 2012
  • “Sardigna pintada” di Antonietta Mele, dal 1° al 15 settembre 2012
  • “Torrande a intritzire” di Pietro Aldo Carta, dal 15 al 30 settembre 2012

 

Sas caisteddas de tzia Tzetzìlia” di Cecilia Farris, dal 9 al 23 giugno


“Ghinìperu!!!” di Paolo Farris, dal 23 giugno al 7 luglio 2012


“Trivàglios innenneriosos” de Gaetano Pira, dal 7 al 21 luglio 2012


“S’arte de mastru Carluzzu de Lodè” di Carlo Sanna, dal 21 luglio al 4 agosto 2012


“Caratzas” di Giuseppe Nanu, dal 4 al 18 agosto 2012


“Ghinìperu imbolicosu” di Lucio Farris, dal 18 agosto al 1° settembre 2012


“Sardigna pintada” di Antonietta Mele, dal 1° al 15 settembre 2012


“Torrande a intritzire” di Pietro Aldo Carta, dal 15 al 30 settembre 2012